Broker di opzioni binarie e trading di materie prime agricole

Il trading online di materie prime agricole (commodity) è un’attività a carattere fortemente speculativa in grado di generare profitti elevati ma anche rischiosa. Tutti abbiamo visto almeno una volta il film “Una poltrona per due” interpretato da Dan Aykroyd, Eddie Murphy e Jamie Lee Curtis: la fortuna dei protagonisti (che l’ultima scena ci mostra in vacanza in una spiaggia tropicale) e la rovina dei malvagi fratelli Mortimer e Randolph Duke sono generati dalla speculazione su una commodity agricola, il succo d’arancia congelato.
Ora, lasciando da parte la divertente pellicola, dobbiamo riconoscere che il mercato delle commodities agricole è davvero estremamente interessante ma, proprio per i suoi rischi elevati, deve essere affrontato con gli strumenti giusti e con la dovuta attenzione.
Chi sceglie di operare con le opzioni binarie, quindi, deve puntare a lavorare esclusivamente con broker sicuri e affidabili che devono essere selezionati in maniera opportuna proprio per questo tipo di speculazione.

Miglior broker opzioni binarie
Quali sono i migliori broker di opzioni binarie? Su OpzioniBinarie.me possiamo trovare un’accurata selezione dei migliori broker di opzioni binarie. Tuttavia bisogna fare attenzione. Le recensioni dei broker che troverete su questo portale, o su altri portali egualmente adatti allo scopo, sono sicuramente oggettive ma bisogna ricordare che il nostro scopo è utilizzare le opzioni binarie per negoziare materie prime agricole. E non tutti i broker, anche se parliamo esclusivamente dei migliori, sono adatti a questo scopo.

Broker opzioni binarie autorizzati CONSOB
Prima ancora di procedere con il nostro articolo è doveroso mettere un paletto: ci riferiamo solo ed esclusivamente a broker regolamentati e autorizzati CONSOB. Non è solo un fatto di rispetto ossequioso della normativa vigente, ma anche una questione di mera convenienza. Lavorare con i broker di opzioni binarie autorizzati dalla CONSOB ci mette al riparo da ogni tipo di problema riconducibile al broker.
I broker regolamentati devono rispettare la direttiva MIFID che detta una serie di regole sulla trasparenza dei servizi finanziari erogati all’interno dell’Unione Europea.
Visto che la negoziazione di commodity agricole ha comunque un rischio intrinseco piuttosto elevato, meglio eliminare almeno il rischio connesso al broker!

Quale broker scegliere
Fatta questa fondamentale premessa, cerchiamo di orientarci nel mondo dei broker di opzioni binarie per scegliere il più adatto alle nostre esigenze. Per prima cosa bisogna partire dal presupposto che non tutti i broker consentono di tradare le commodity. Ecco quindi che la prima scrematura la faremo (prendendo in considerazione solo e soltanto i broker regolamentati) per verificare se le commodity che ci interessano sono nell’elenco degli asset che è possibile negoziare.
A questo punto dovremo cercare di puntare a broker che forniscono un flusso di notizie completo e costante anche per quanto riguardata le commodities agricole.
In questo caso il prezzo è particolarmente influenzato da eventi meteorologici, quindi dovremo puntare a broker che ci tengono informati anche su questo tipo di notizie.
Ovviamente anche la convenienza (bonus omaggio, rendimento delle singole operazioni) deve essere tenuta in debita considerazione.

Broker opzioni binarie demo
Vista la complessità del trading di commodity agricole, potrebbe essere auspicabile utilizzare conti demo per effettuare delle simulazioni prima di cominciare il trading vero e proprio. Tutti i migliori broker di opzioni binarie mettono a disposizione questo tipo di conto ma è bene mettere subito in chiaro che non si tratta, in nessun caso, di una simulazione fedele della negoziazione di commodity. Dal punto di vista tecnico è esattamente la stessa cosa, ma quello che cambia è l’aspetto psicologico. I conti demo hanno un punto di forza che è anche il loro punto di debolezza: non richiedono l’utilizzo di soldi veri! Questo significa che si può sbagliare liberamente, senza nessun tipo di conseguenze, ed è un punto di forza. Ma il fatto di non utilizzare soldi veri fa sì che non ci siano paura e avidità che sono le due compagne del trader. Senza paura e senza avidità non possiamo parlare di vero trading, purtroppo.
Il consiglio è quello di utilizzare i conti demo dei broker di opzioni binarie per sperimentare il trading di commodities agricole ma di non passare troppo tempo in questa attività simulata visto che non è “vero trading”.

Opzioni binarie: strategie per commodity agricole
Il mercato delle commodities agricole e molto particolare e influenzato da fattori differenti dagli altri mercati finanziari. Ad esempio, come detto sopra, un aspetto importante da considerare per questo tipo di mercati è la mete reologia. Inoltre ci sono correlazioni molto forti con il mercato del petrolio. Di solito alla crescita del prezzo del greggio corrisponde anche un aumento immediato dell’aumento dei prodotti agricoli.
Queste considerazioni mostrano chiaramente come le commodity agricole siano ideali per fare trading sulla notizia.
Come tutti gli altri asset finanziari possono, ovviamente, essere tradati con strumenti forniti dall’analisi tecnica. In questo caso, visto che parliamo di opzioni binarie, ci potrebbe essere la forte tentazione di operare a 60 secondi. Tuttavia in questo caso è meglio non operare con scadenze così brevi, a meno che non ci siano trend di mercato veramente molto ben delineati.

Trading di materie prime agricole e considerazioni etiche
Le commodity agricole, come il grano, non sono solo un asset finanziario, sono anche necessarie alla vita di tutti i giorni, sono alla base dell’alimentazione di miliardi di persone. Alcuni trader, quindi, si sentono in colpa soprattutto quando i mercati si impennano e quindi il prezzo delle materie prime agricole al consumatore finale aumentano.
Questi sensi di colpa, però, sono totalmente fuori luogo e ingiustificati. In primo luogo il trader non è in grado di influenzare nulla, i mercati finanziari mondiali sono così grandi, globalizzati e interconnessi che ormai non esiste alcuna entità in grado di influenzarli.
In secondo luogo bisogna sottolineare come proprio l’azione dei trader consenta una migliore allocazione delle risorse e dunque, sul lungo periodo, una migliore e più abbondante produzione agricola.
Dunque non c’è da sentirsi in colpa, anzi: c’è da essere fieri dei profitti che si riescono a realizzare!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *